Pubblicato il PII MIND (Milano Innovation District) – nuove opere di urbanizzazione per euro 32.484.486

Date : 6 novembre 2019

I Comuni di Milano e Rho, su cui insiste l’area utilizzata per l’Esposizione Universale 2015, hanno pubblicato il Programma Integrato di Intervento presentato da Arexpo.

Oltre alla cessione di tutte le opere realizzate per Expo 2015 si prevedono opere di adeguamento infrastrutturale per 10.129.50 euro e opere di potenziamento della accessibilità per 22.354.986 euro.

Inoltre è prevista la facoltà da parte dei Comuni di Milano e Rho di individuare ulteriori opere (esistenti o di nuova realizzazione) che potranno esser acquisite quali opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri, in aggiunta e/o in sostituzione a quelle definite nel PII, individuando e definendo tali opere nei Progetti di Stralcio Funzionale.

Il PII è stato pubblicato ai rispettivi albi pretori dei Comuni di Milano (delibera 1654) e Rho (delibera 242) e le osservazioni potranno essere presentate entro il 5 dicembre 2019

 


Riaperta a Milano la Piscina Guido Romano dopo i lavori di riqualificazione

Riaperta a Milano la Piscina Guido Romano dopo i lavori di riqualificazione
Date : 20 giugno 2019

Terminati nei tempi previsti i lavori di riqualificazione, è stata riaperta al pubblico la piscina Guido Romano, l’impianto situato in zona Città Studi tra via Ampère e via Ponzio. I lavori, indispensabili per il buon funzionamento del centro balneare, sono iniziati il primo aprile e hanno riguardato l’impermeabilizzazione della vasca, la sistemazione con tinteggiatura degli spogliatoi e del solarium e il rinnovo delle parti ammalorate del muro di recinzione. Gli interventi sono stati realizzati a scomputo di oneri di urbanizzazione di un progetto urbanistico su via Botticelli, nel rispetto del valore storico e architettonico del luogo.

Nel cuore di Città Studi, questo luogo non rappresenta solo uno spazio dove nuotare, ma è anche un importante punto di aggregazione in città.

La riapertura della piscina sarà festeggiata domenica 23 giugno alle 14.30. alla presenza dell’assessore Maran e della Presidente del Municipio 3

La piscina Guido Romano, sita in via Ampère 20, è stata costruita nel 1929 rispecchiando lo stile architettonico dell’epoca. Progettata, come per la piscina Cozzi, dall’architetto Luigi Secchi, è dedicata a Guido Romano, noto ginnasta italiano a cui il Comune di Milano ha dedicato una lapide all’interno del centro balneare.

La vasca rettangolare di 4.000 metri quadri sorge in prossimità di un parco che offre il servizio di un chiosco bar.


La passerella ciclopedonale di San Cristoforo

La passerella ciclopedonale di San Cristoforo
Date : 10 maggio 2019

La Commissione giudicatrice del concorso internazionale indetto dal Comune di Milano e M4  “ATTRA\VERSO San Cristoforo” ha scelto il progetto del team milanese dello studio AOUMM guidato da Rossella Locatelli come vincitore per “la leggibilità e la semplicità del percorso” e “l’approfondimento degli aspetti funzionali, delle connessioni e del collegamento con la metropolitana”, centrando l’obbiettivo di formulare una proposta innovativa, ambientale e dalla forte identità architettonica, per una connessione ciclopedonale tra i quartieri Lorenteggio e Ronchetto sul naviglio.

Fonte: www.comune.milano.it


Milano, La Scala cresce: arriva la torre uffici (con sala prove ipogea) firmata Mario Botta-Emilio Pizzi – L’edificio si ispira alla Torre Velasca. Alla base una sala prova alta 14 metri completamente ipogea

Milano, La Scala cresce: arriva la torre uffici (con sala prove ipogea) firmata Mario Botta-Emilio Pizzi – L’edificio si ispira alla Torre Velasca. Alla base una sala prova alta 14 metri completamente ipogea
Date : 15 aprile 2019

Impresa Esecutrice: ATI D’Adiutorio Appalti e Costruzioni (mandataria) e Gianni Benvenuto

Collaudatori in corso d’opera e finale: Ing. Antonio Turco, Arch. Carlo Maria Corsi, Ing. Fabio Fumagalli

Il Teatro alla Scala di Milano si prepara ad avviare i lavori per la nuova addizione firmata Mario Botta ed Emilio Pizzi. È stata aggiudicata, in via definitiva, la gara per l’affidamento dei lavori dei nuovi volumi da costruire sul lato di via Verdi, in continuità con il retropalco del Teatro, e sono stati selezionati i membri della commissione di collaudo in corso d’opera e finale.

Al posto della palazzina ex San Paolo (già demolita) sarà realizzata una sala prove hi-tech, interamente sotterranea, e si ergeranno nuovi uffici, in parte contenuti in una torre più larga verso la cima sorretta da squadrati beccatelli. Una forma che si ispira a quella di un edificio iconico dello skyline milanese: la Torre Velasca.

Tratto dall’articolo di Mariagrazia Beretta su Edilizia e Territorio-Sole 24ore del 10 aprile 2019


Posata la prima pietra del nuovo teatro De Silva a Rho

Posata la prima pietra del nuovo teatro De Silva a Rho
Date : 20 marzo 2019

Mercoledì 20 marzo mattina, alla presenza delle autorità civili e religiose si è svolta la cerimonia della posa della prima pietra.

«Oggi mettiamo un importante tassello nella realizzazione di un sogno», hanno detto il  sindaco del Comune di Rho, Pietro Romano, e Diana Bracco. «Quello di una “scatola magica” dove i nostri concittadini possano incontrarsi, meravigliarsi e condividere progetti».

 


Comune di Pero: Attivata L’AGENDA URBANA

Date : 31 gennaio 2019

Il Comune di Pero ha attivato con successo  l’Agenda Urbana. Si tratta di uno strumento programmatico che rappresenta per l’Amministrazione Comunale un momento di riflessione sulle criticità e potenzialità che la città potrà ricoprire nella dimensione di sovracomunale, il tentativo di guardare alla complessità del territorio attraverso una visione articolata, con l’obiettivo di riuscire a leggere e interpretare le dinamiche che ne influenzano il funzionamento.

Il documento sarà organizzato in più fasi:

–  analisi e interpretazione dello scenario locale di riferimento;

–  analisi delle dinamiche e trasformazioni territoriali sovralocali;

–  costruzione dal basso di un quadro programmatico di lungo periodo condiviso e partecipato.

Un processo che si muove a partire dalla costruzione della piattaforma partecipativa, concepita come luogo immateriale di confronto, scambio di informazioni e comunicazione, i cui contenuti verranno implementati dagli attori coinvolti e dai temi emersi durante i tavoli tematico-progettuali.

Il risultato atteso alla fine del percorso sarà la definizione di strategie territoriali in grado di guidare il processo di revisione del PGT vigente.